Nefroureterectomia

NefroureterectomiaNefroureterectomia: che cos’è?
La Nefroureterectomia è uno specifico intervento che si esegue in presenza di una neoplasia uroteliale, che interessa il bacinetto renale e/o l’uretere.

Intervento

L’intervento viene eseguito in anestesia generale e può richiedere il posizionamento preoperatorio di un sondino venoso centrale e di un catetere vescicale.
L’accesso chirurgico retroperitoneale prevede un’incisione obliqua sul fianco ed una incisione mediana ombelico-pubica; l’accesso transperitoneale una incisione xifo-pubica.

i_02L’intervento prevede l’asportazione del rene e dell’uretere in toto, compresa una piccola porzione di vescica, dove entra l’uretere.
Al termine dell’intervento verrà posizionato un drenaggio nella loggia renale e talvolta un sondino naso-gastrico; il catetere vescicale va mantenuto per circa una settimana.

Complicanze di una Nefroureterectomia

Intraoperatoriamente si possono verificare lesioni del fegato e del duodeno [nefrectomia destra] e della milza [nefrectomia sinistra].

Meno frequenti ma possibili sono lesioni a carico della pleura e dell’ileo e del colon. Queste lesioni vengono trattate contestualmente all’intervento chirurgico con le tecniche appropriate [eventuale splenectomia o resezione epatica].
Eccezionalmente può essere necessario il ricorso ad una derivazione intestinale (colostomia temporanea o definitiva).
L’emorragia può essere una complicanza intra- e post-operatoria e richiedere trasfusioni di sangue, emocomponenti i_03o emoderivati.

II decorso postoperatorio può essere complicato da:
– patologie intestinali (ileo paralitico, occlusione, perforazione ed infarto intestinale);
– patologie infettive (sepsi, infezioni urinarie, infezioni della ferita chirurgica, focolai broncopneumonici);
– patologie tromboemboliche (trombosi venosa profonda, embolia polmonare);
– diastasi della ferita.

L’asportazione di un rene può eccezionalmente rendere necessaria l’attuazione di un programma transitorio di dialisi.
Alcune complicanze postoperatorie possono richiedere per la loro risoluzione una revisione chirurgica (emorragie, complicanze intestinali, diastasi della ferita). Tale evento si configura in circa l’1% dei casi.

Una complicanza tardiva consiste nell’erniazione intestinale attraverso un difetto fasciale che si realizza in corrispondenza della ferita chirurgica (lombocele).
La degenza postoperatoria non complicata ha una durata di circa 7-10 giorni.