Chi è l’urologo?
L’urologo è il medico specialista che si occupa della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie dell’apparato urinario maschile e femminile e dell’apparato genitale maschile.

Dall’urologo vanno solo gli uomini?
No, l’urologo tratta sia uomini che donne. Spesso si confonde l’urologo con l’andrologo che invece si occupa principalmente di problemi di erezione e fertilità.

Quando bisogna andare dall’urologo?
Quando si manifestano disturbi legati all’apparato urinario (bruciori, perdita involontaria di urine, presenza di sangue nelle urine) o a quello genitale maschile o un rialzo nei valori di alcuni esami (PSA, azotemia etc…). Comunque l’uomo dovrebbe effettuare una visita urologica una volta l’anno sempre dopo i 50 anni (anche se non ha disturbi).

La visita urologica è dolorosa?
No, non è dolorosa. Consiste nell’introdurre un dito nel retto per palpare la prostata. Dura pochi secondi.

Perché si fa una visita urologica?
Lo scopo di una vista urologica è diagnosticare, escludere o monitorare un disturbo urinario, un rialzo dei valori di PSA, etc…

Come si svolge la visita urologica?
Anamnesi: è la prima fase della visita durante la quale, attraverso domande sugli stili di vita (consumo di alcol, se si fuma, attività fisica etc,) e sulla presenza o meno in famiglia di patologie urologiche, lo specialista raccoglierà il maggior numero possibile di informazioni.
Seconda fase della visita: se il paziente è uomo, l’urologo farà un’accurata valutazione della zona genitale esterna e del basso addome. Potrà anche essere controllata la prostata per verificare lo stato di salute di questa ghiandola. A seconda di quanto emerge durante questa fase, l’urologo potrà richiedere al paziente esami più accurati quali una flussometria, una ecografia prostatica transrettale, un’ecografia vescicale con studio del Residuo oltre agli esami urinari o una cistoscopia flessibile.  Se la paziente è una donna: la visita sarà molto simile a quella ginecologica. Dopo aver effettuato l’anamnesi della paziente, l’ urologo farà la valutazione dello stato di salute dell’apparato urinario. Spesso è richiesta alla paziente un’ecografia del basso addome: pertanto è meglio arrivare alla visita con la vescica piena.

Il tumore alla prostata dà sintomi?
No, soprattutto nella fase iniziale. Bisogna fare un esame del sangue chiamato PSA.

Il varicocele può portare all’infertilità?
Si, è la principale causa di infertilità di coppia.

Che percentuale di recupero della fertilità di coppia c’è dopo l’intervento al varicocele?
Del 35%

L’eiaculazione precoce è una malattia?
No, bisogna sempre accertare le concause di ordine medico e psicologico. L’eiaculazione precoce è considerate di grado severo, prima della penetrazione o ≤ 15 sec; di
un grado moderato, ≤ 1 minuto;
di grado lieve: ≤ 2 minuti.

L’ecografia prostatica è doloroso?
No. Si esegue con una sonda transrettale più sottile di un dito e dura pochi minuti.

La cistoscopia flessibile è dolorosa?
No. Si può avvertire solo un lieve fastidio simile a quello che si prova con l’introduzione di un piccoli catetere di gomma. L’esame dura pochi minuti.