Incisione trans uretrale della Prostata (TUIP)

 

e_01L’incisione transuretrale della prostata è un intervento endoscopico (non implica l’incisione esterna della cute) il cui scopo è risolvere l’ostacolo determinato dalla prostata allo svuotamento della vescica.

Indicazioni

Iperplasia prostatica benigna. La tecnica è indicata per prostate del peso < di 30 gr., senza sviluppo del lobo medio.

Descrizione della tecnica

e_02L’incisione endoscopica transuretrale della prostata consiste nel praticare per via uretrale una, o più raramente due, incisioni della prostata a tutto spessore senza asportare il tessuto iperplastico.

La procedura è generalmente eseguita in anestesia loco-regionale o generale.

Durata della procedura

La TUIP è l’intervento più veloce tra quelli eseguiti per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna: la durata media è 10-15 minuti.

Tipo e durata del ricovero

Dopo l’intervento viene applicato un catetere vescicale, associato ad un sistema di lavaggio continuo della vescica. In assenza di complicazioni il catetere è rimosso in media dopo 1-2 giorni.
In assenza di complicazioni la degenza ospedaliera media è di 1-3 giorni.

Risultati

– Sintomatologia: il miglioramento della sintomatologia è ottenuto nel 78-83% dei pazienti.

– Risultati Obiettivi: l’incisione transuretrale della prostata ottiene risultati obiettivi (aumento della forza del getto urinario, riduzione del residuo postminzionale e riduzione dell’ostruzione) lievemente minori rispetto alla resezione della prostata.

– Durata: le percentuali di efficacia del trattamento a lungo termine sono lievemente più basse rispetto alla resezione della prostata, ma la tecnica si dimostra valida anche a distanza dall’intervento: 14% di ritrattamenti dopo 5 anni.

Vantaggi/Svantaggi

Vantaggi
– Intervento veloce
– Minori perdite ematiche e complicanze rispetto alla resezione della prostata.
– Tempo di cateterizzazione e degenza più breve tra tutti gli interventi chirurgici
– Buoni risultati soggettivi e obiettivi.

Svantaggi
– Tecnica non effettuabile in caso di prostate di volume medio-elevato
– Tecnica non effettuabile in caso di sviluppo del lobo medio
– Esame istologico non effettuabile
– Percentuali più alte, anche se in misura trascurabile, di ritrattamento rispetto alla resezione della prostata

Effetti collaterali

La TUIP comporta l’eiaculazione retrograda nel 6-55% dei casi.
Dopo la rimozione del catetere i pazienti possono presentare lievi disturbi urinari che possono persistere per 1 mese.

Complicanze

L’emorragia con necessità di emotrasfusione si verifica nel 1,2% dei casi.
Con questa tecnica non è mai stata segnalata l’insorgenza della Sindrome da TURP (sindrome dovuta al riassorbimento del liquido di lavaggio che comporta confusione, nausea, vomito, disturbi nervosi ed instabilità circolatoria).
A distanza di tempo dall’intervento possono comparire le stenosi dell’uretra e le sclerosi del collo vescicale che si aggirano fra lo 0,4-2,6% e la cui risoluzione può richiedere un secondo intervento endoscopico (cervicotomia o uretrotomia o uretroplastica).
L’incontinenza urinaria, nei suoi diversi gradi, ha una incidenza del 0,1-0,8% circa.
Sebbene sia stata riportata la comparsa di impotenza dopo l’esecuzione della TUIP, è difficile ipotizzare che la tecnica possa essere la causa del disturbo organico.

Dimissione

Alla dimissione è suggerito un periodo di vita morigerata (ridotto stress fisico, scarsa attività sessuale e/o sportiva, regime alimentare moderato, terapia antisettica urinaria, ecc.) e l’astensione dalle normali attività lavorative per periodo variabile tra i 7 e 21 giorni, in base alle condizioni associate e all’estensione della resezione.
Siccome la tecnica non comporta la rimozione di tessuto, la convalescenza è generalmente breve. Tale periodo non è da considerare come periodo di malattia a fini mutualistici che competono al medico di medicina generale.
È suggerito di evitare lunghi tragitti in macchina e l’uso di cicli e motocicli.
Normale deve essere l’introduzione di liquidi per bocca.
In caso di ritenzione urinaria o di ematuria sarà opportuno contattare l’urologo.
Se persistono sintomi irritativi vescicali o insorge febbre il paziente si può rivolgere al proprio medico curante come prima istanza, sarà poi il medico a decidere sul da farsi.

Controlli

Il primo controllo postoperatorio andrà effettuato entro 30 giorni con un esame urine, urinocoltura e flussometria con residuuo.


allegato Scarica il libretto informativo “La prostata”