skip to Main Content

Obesità infantile: pesare i bambini a scuola è giusto?

Su Medscape è stato pubblicata una riflessione del Prof.Yoni Freedhoff sulla scelta della Gran Bretagna di estendere il National Child Measurement Programme anche ai bambini tra i 4 e i 5 anni e tra i 10 e gli 11, una volta tornati a scuola dopo il lock-down per il Covid-19. L’articolo riguarda il tema dell’obesità infantile.

Il Prof .Yoni Freedhoff  affronta nell’articolo alcuni punti:

  • come si pensa che i bambini obesi non sappiano di esserlo dato che l’obesità infantile è la principale causa di bullismo a scuola?
  • come si possa pensare che i bambini e i genitori non sappiano che l’obesità infantile e non solo è pericolosa per la salute dato che in televisione non fanno che far passare messaggi sui rischi e ci siano addirittura dei reality show sulle persone obese? 
  • le scale usate per misurare la correttezza del peso negli adolescenti hanno portato insegnanti, educatori infermieri scolastici a credere e far credere che le scale determinassero salute, felicità, successo, autostima e impegno. Questo si è tradotto in adulti che hanno passato una vita tra diete yoyo

    Pesare i bambini

    Photo by Thought Catalog on Unsplash

Il Prof. Yoni Freedhoff continua affrontando la situazione attuale. 

Pone l’accento sul fatto che molti genitori hanno visto il loro tempo e le loro risorse, sia materiali che mentali, diventare sempre minori durante il periodo del COVID-19.

Obesità infantile: opportunità e necessità

Un cambiamento intenzionale permanente nelle abitudini alimentari in nome della salute richiede anche di essere privilegiato e questa non è la situazione di molte persone anche in momenti meno difficili rispetto a quello che stiamo vivendo. 

Il Professore si rivolge al lettore invitandolo a riflettere semplicemente su tutte le sue migliori intenzioni e i suoi piani che potrebbero essere buoni per la tua salute (forma fisica, relazioni, ECM, ecc.) e che invece si lascia sfuggire nonostante probabilmente sia più privilegiato rispetto alla persona media.

Cosa si potrebbe invece fare per cercare di alleviare il problema dell’obesità infantile? Di seguito le indicazioni del Prof. Yoni Freedhoff.

Obesità infantile

Photo by Hannah Tasker on Unsplash

Se i governi sono preoccupati per l’aumento di peso nei bambini, devono cercare iniziative che aiutino tutti i bambini e i genitori. Pesarli non porterà genitori o figli a scoprire un trattamento efficace per l’obesità infantile.

Si potrebbe invece:

– Vietare la pubblicità di cibo ai bambini

– Riformare i pasti della mensa scolastica e garantire che i pasti scolastici siano messi a disposizione dei bambini anche durante le chiusure scolastiche legate al COVID

– Ricominciare a fare lezioni di economia domestica per insegnare ai bambini a cucinare 

– Promuovere le tasse sulle bevande zuccherate e utilizzare i proventi per finanziare le riforme e i programmi sopra menzionati, insieme ad altri, che potrebbero includere il sussidio per l’acquisto di prodotti freschi

– Riformare l’indicazione sulla salute nella parte anteriore della confezione per alimenti con qualità nutrizionale discutibile

Obesità: situazione mondiale

Dato che non esiste alcuna categoria di età in nessun paese del pianeta che non abbia visto aumentare il peso e il problema dell’obesità infantile questa chiaramente non è una malattia che riflette una perdita di forza di volontà pandemica. Piuttosto, è una malattia culturale. Fino a quando non saranno affrontati i cambiamenti sistemici, è molto più probabile che schemi come quello proposto dal Forum nazionale sull’obesità del Regno Unito facciano più male che bene.

Yoni Freedhoff è professore associato di medicina di famiglia presso l'Università di Ottawa e direttore medico del Bariatric Medical Institute, un centro non chirurgico per la gestione del peso. È uno dei più espliciti esperti canadesi in materia di obesità e l'autore di The Diet Fix: Why Diets Fail and How to Make Yours Work.

Articolo liberamente tradotto da: “Weighing Children in School: No Good Can Come of It”, Mescape.

 

Back To Top